Torino è una città strana. Una città cresciuta sull’industria, ed in cui le giunte “sinistre” succedutesi in questi anni hanno fatto di tutto per cancellare le memorie di quell’industria. In Torino l’archeologia industriale è una nozione pressoché sconosciuta. Uno degli esempi più eclatanti si è avuto con la cittadella della Michelin, completamente rasa al suolo per creare le basi di uno dei quartieri più brutti e problematici della metropoli.

Alle giunte “sinistre” sembra quasi che le vestigia della vecchia Torino procurino il prurito. Loro ormai puntano tutto su una sorta di Torino da bere, che vira decisamente sul terziario e, dal punto di vista urbanistico sulla geniale intuizione costituita da nuove case. Poco importa se il mercato immobiliare sia fermo, si continua a costruire. Anche dove c’è l’archeologia industriale. Ultimo esempio, in qualche modo anche singolare per il suo sviluppo, l’area denominata “Stabilimento ex Diatto”.

Tale area, un tempo fucina di automobili, con le quali correva Tazio Nuvolari, nel quartiere popolare San Paolo, fu dichiarata nel maggio del 2007 sito di interesse culturale dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte perché rientrante all’interno della corrente artistica Art Nouveau italiana ed internazionale, grazie allo stile impresso dai differenti progettisti che si avvicendarono nei primi 20 anni del ‘900, primo fra tutti l’Ing. Pietro Fenoglio. Nonostante ciò nel 2007  il comune di Torino approvò una variante al piano regolatore per rendere l’area Zona Urbana di Trasformazione e chiese alla Soprintendenza di ottenere l’autorizzazione ad alienare l’immobile. Già questa era una decisione ben strana. Perché alienare un’area che è vincolata? Chi la compra?

Ed ecco che invece, sorpresa,  l’area un acquirente lo trova (o forse esisteva già): è la Prelios SGR s.p.a. Cos’è la Prelios SGR s.p.a.? Nient’altro che la ex Pirelli Re, società specializzata negli investimenti immobiliari del gruppo Tronchetti Provera. Ora, la Prelios non è Babbo Natale, che fa i regali, che, nello specifico, acquista un’area vincolata per conservarla a futura memoria. E lo dimostra.

Infatti, essa presenta una relazione storico-artistica che dimostra che solo una parte dell’area è degna di essere vincolata. Ed ecco che la Soprintendenza – senza che ovviamente siano cambiate le motivazioni oggettive che avevano condotto alla dichiarazione di interesse – decide di ridurre drasticamente lo stesso, di fatto consentendo alla Prelios di realizzare sull’area tre edifici a scopo residenziale di sei/otto piani ciascuno, un parcheggio interrato ed un’area commerciale.

Fra pochi giorni dovrebbero entrare nell’area le ruspe e un comitato di cittadini del quartiere con molti giovani ed il supporto delle associazioni ambientaliste si sta attualmente attrezzando per resistere alla distruzione, che cancellerebbe ancora una volta una memoria della vecchia Torino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La sanità che vorrei #avotofatto

next
Articolo Successivo

Il lavoro dello spin-doctor e le ragioni di una assenza

next