Tre aziende italiane su cinque sono costrette a chiedere prestiti in banca per pagare le tasse. E’ il risultato di uno studio condotto da Centro studi Unimpresa, l’organizzazione che rappresenta le piccole e medie imprese, che ha sottolineato un pesante inasprimento della pressione fiscale. In cima alla lista delle imposte che pesano di più sugli imprenditori c’è l’Imu, che ha obbligato le imprese a contrarre nuovi prestiti per quasi 4 miliardi di euro. I settori dove le aziende si indebitano di più per far fronte alle tasse sul mattone, secondo lo studio condotto su 130.000 aziende, sono gli operatori turistici, le piccole industrie e i supermercati.

Oltre 81.900 micro, piccole e medie imprese, il 63 per cento del totale, hanno quindi chiesto soldi alle banche per rispettare le scadenze fiscali. Oltre all’Imu, è l’Irap l’altra tassa che mette in difficoltà gli imprenditori, considerando che l’imposta regionale sulle attività produttive si paga anche quando i bilanci sono in perdita, dunque in assenza di utili. Tutto ciò genera un “triplo effetto negativo” sui conti e sulle prospettive di crescita delle aziende, come ha spiegato Paolo Longobardi, presidente di Unimpresa.

“Il primo è l’apertura di linee di credito destinate a coprire le imposizioni fiscali invece di nuovi investimenti, che limita la natura stessa dell’attività di impresa”, ha spiegato il numero uno di Unimpresa. Il secondo problema sorge invece alla chiusura degli esercizi commerciali, quando “il valore degli immobili posti a garanzia dei prestiti fiscali va decurtato in proporzione al valore dell’ipoteca, con una consequenziale riduzione degli attivi di bilancio”. E il terzo guaio è relativo a “eventuali, altri finanziamenti per i quali l’impresa deve affrontare meno garanzie da presentare in banca e un rating più alto che fa inevitabilmente impennare i tassi di interesse“.

Il risultato della ricerca, secondo Longobardi, è la prova che “un sistema tributario troppo pesante si accanisce sulle imprese fino a portarle allo sfinimento, se non al fallimento“. E attivare linee di credito per pagare le tasse significa quindi “dire la fine del sistema economico”. “Di fatto l’impresa si trova morsa in una tenaglia, con fisco e credito che tagliano le gambe e chiudono le porte del futuro”, ha concluso Longobardi, “e alla fine il conto arriva anche per lo Stato: un’impresa che annaspa diventa un contribuente meno generoso e pure il gettito tributario ne risente sia sul fronte dell’imposizione diretta sia su quello dell’imposizione indiretta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Produttività italiana: chimera o ricetta per far ripartire la crescita?

next
Articolo Successivo

Bruciati 500 miliardi di fatturato per le aziende italiane in quattro anni

next