Dopo le date di Bologna e Pescara, il nuovo spettacolo del vicedirettore del Fatto ha debuttato ieri al Gran Teatro di Roma. Con ‘E’ Stato la Mafia’ Marco Travaglio racconta e spiega a ritmo serrato la stagione delle stragi e il tragico attentato che uccide Paolo Borsellino e la sua scorta, i fitti contatti tra gli uomini che comandano Cosa Nostra e alcuni esponenti delle istituzioni, la nascita di Forza Italia, gli ostacoli e le omissioni della politica, fino al recente intervento del Quirinale contro i magistrati di Palermo. Ad accompagnare Travaglio ci sono le musiche di Valentino Corvino e le letture di Isabella Ferrari, che descrive “l’altra Italia” con le parole immortali di intellettuali, artisti e politici come Giorgio Gaber, Pierpaolo Pasolini, Sandro Pertini, Ennio Flaiano e Piero Calamandrei. “C’è chi si ostina a definire la trattativa ‘presunta’, ‘immaginaria’, ‘cosiddetta’” – ha concluso Travaglio – “ma in questa storia di ‘presunto’ c’è solo lo Stato”  di Tommaso Rodano

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Leosini icona gay del Muccassassina “Perché le paillettes non bastano più”

prev
Articolo Successivo

Lombardo: “Alleanza con Berlusconi? Compromesso per non morire”

next