Era iniziata come un’innocua passione, poi qualcuno ha cercato di sfruttarla come veicolo pubblicitario a costo zero. Adesso, nel breve volgere di una stagione, gli chef si sono già stufati della mania di fotografare con i telefonini i piatti appena serviti e di postare il tutto su internet, a beneficio di una platea (non si sa quanto interessata) potenzialmente sterminata. In principio fu Facebook, poi Twitter, ora Pinterest e – soprattutto – Instagram. L’app/social network delle foto dai mille effetti conta milioni di utenti e, sin dalla sua fondazione, uno dei soggetti preferiti è proprio il cibo.

Gli hashtag #instafood e #foodporn, solo per citarne alcuni hanno spopolato in lungo e in largo, attirando allo stesso modo i like degli utenti e la feroce ironia di anti-hipster e appassionati di fotografia. La notizia, passata un po’ sottotraccia, è che all’estero sono in continuo aumento i ristoranti dove è espressamente vietato l’uso degli smartphone a tavola, anche in funzione di macchina fotografica. Lo hanno raccontato nei giorni scorsi, fra gli altri, il New York Times e l’Irish Times. Nella Grande Mela è stato lo chef Dave Bouley a dare il la alla battaglia, stufo di flash a ripetizione e novelli Helmut Newton in piedi in mezzo alla sala per inquadrare meglio il piatto o, addirittura, armati di cavalletto tascabile. Insomma, quando è troppo è troppo. La mania del cibo fotografato e immediatamente condiviso in rete, nonostante la buona pubblicità che poteva assicurare, crea troppa confusione e non garantisce l’ambiente ordinato che la maggior parte dei locali amano garantire a tutti i loro avventori. Decine di proprietari e gestori hanno iniziato dunque ad esplicitare la propria policy aziendale in merito, attraverso postille nei menu o cartelli esposti in sala. Come accade ad esempio al Bite di Dublino, dove la prima regola introdotta nel 2013 è stata la telegrafica “No Instagramming. Just Eat“.

Sembra passato un secolo, e invece era solo lo scorso autunno, da quando un altro ristorante newyorkese (il latinoamericano Còmodo) aveva deciso di sfruttare questa moda per fare del marketing sostanzialmente a costo zero, creando l’hashtag #ComodoMenu e incoraggiando la diffusione in rete delle foto dei propri piatti come in una sorta di menù virtuale visibile da qualsiasi parte del mondo. Certe mode, anche a New York, cambiano più in fretta del vento. 

di Fabio Pisanu

www.puntarellarossa.it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

Fiera del cioccolato, a Firenze la mostra mercato con 40 maestri artigiani

next
Articolo Successivo

iFood Dukan, a dieta con lo smartphone

next