Mancano solo due giorni al debutto, su Fox, della seconda stagione di “Homeland”, la serie televisiva americana che in due anni ha vinto ben 26 premi, tra cui 5 Golden Globes e 4 Emmy.

La trama, per chi colpevolmente non la conoscesse, è la seguente: Nicholas Brody, sergente dei marines degli Stati Uniti, viene liberato dopo otto anni di prigionia e torture nelle mani dei terroristi islamici e rientra in patria da eroe. Peccato, però, che l’agente della Cia Carrie Mathison sia convinta che Brody si sia convertito durante la prigionia e sia diventato, in realtà, un membro di Al Qaeda che sta organizzando un attentato sul suolo americano. Da qui si dipana un intreccio narrativo ben lontano dal cliché spia vs terrorista ma più indirizzato verso le caratteristiche umanissime dei protagonisti.

Claire Danes e Damian Lewis, protagonisti di "Homeland"

La protagonista indiscussa della serie, anche più del sergente Brody, è l’agente Carrie Mathison, interpretata magistralmente da Claire Danes (che ha collezionato due Golden Globes consecutivi nel 2012 e nel 2013). Personaggio complesso, affetta da disturbo bipolare, Carrie è una donna difficile da gestire, ma indipendente e tenace. E soprattutto è una donna che non ha paura di far convivere (e collidere) gli aspetti privati e quelli professionali della sua vita. È tutto un unico racconto, tra intrecci e sovrapposizioni, di una vicenda umana prettamente femminile. E non del cliché femminile tipico delle serie tv, beninteso, perché Claire Danes tratteggia una donna totalmente immersa nel suo tempo. Un tempo di diffidenza, di paura e di precarietà emotiva.

Homeland è una spy story tutt’altro che classica, che scandaglia i timori dell’infinito post 11 settembre dell’America. Una serie televisiva che miscela sapientemente e confonde furbescamente i destini della nazione più potente al mondo e quelli, molto più interessanti, di alcuni dei suoi abitanti.

Ad accompagnarci in questo viaggio infernale tra sospetti, morti violente e intrighi internazionali, fortunatamente è una donna. Normale, per giunta, e non una Wonder woman alla Lara Croft. Una donna che è il simbolo dell’epoca che stiamo vivendo. Una donna che, in realtà, altri non è che l’America. Tutta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sara morta di anoressia. La tv fa bene a mostrare?

next
Articolo Successivo

Le epopee televisive delle “mogli di”: Nina Moric a ‘Domenica in’

next