Doveva essere così il giaciglio dove sono morti carbonizzati due senza fissa dimora. Sì, perché i tunnel per le uscite di sicurezza delle gallerie del Muro torto sono abitate da un esercito di invisibili che in quei luoghi trova un riparo dal freddo dell’inverno. Le immagini mostrano due rifugi di fortuna costruiti con cartoni, un materasso e alcune coperte. A pochi metri le macchine sfrecciano in direzione di via Nomentana, mentre di sopra, al livello della strada, romani e turisti passeggiano dalla Rinascente a via Vittorio Veneto  lg

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata memoria, Monti: “Il vero nemico è l’indifferenza”

next
Articolo Successivo

Roma, al tramonto un piccolo esercito di senza tetto cerca rifugio nell’inferno

next