Repetita iuvant, magra consolazione senza il grande botto. L’inchiesta di ‘Presa diretta’ sui mali del calcio non ha aggiunto nulla di nuovo, se non mostrare al grande pubblico maschera e volto di Scommessopoli, da Singapore a Crotone, nelle viscere delle holding internazionali del crimine, con tanto di omicidio a mano armata in Bulgaria, da aggiungere al giallo su Calciopoli, spy story con misterioso suicidio all’italiana.

Di calcio si muore? Ma il calcio è già morto. E’ finito negli scandali della finanza creativa che ne ha rubato l’anima. E’ deceduto nell’eccesso di burocratizzazione (e di perbenismo) da stadio, nel turbo capitalismo, nelle bufere dei suoi inattendibili interpreti (non solo doping) e nella globalizzazione del prodotto, voluta da chi – senza pietà – ne ha impropriamente usato tribù, ritualismi e pathos, infrangendone storia e tradizione secolare.

L’indagine di ieri sera (condotta con fiuto) dalla squadra di Riccardo Iacona, ha avuto comunque un pregio, la conferma del dato: il neo-calcio è uno zombie, è più che un moribondo, la copia sbiadita del caro vecchio estinto foot-ball, tenuto in vita con artifizi e inganni da abili trasformisti. Solo perché il giocattolo, alla fin fine, fa sempre comodo a molti. Ma non più a tutti: per una decrescita felice è ora che i tifosi non si limitino solo ad aprire gli occhi, continuando a donar per fede quel che resta nel loro portafogli, e che la politica non si limiti più alle provocazioni di Mario Monti (“fermiamo il calcio”, disse il premier).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcioscommesse, Doni su Conte: “Tutti sapevamo della combine”

next
Articolo Successivo

Football americano, 34 atleti su 35 a rischio encefalopatia traumatica cronica

next