Nessuna condanna. La Corte d’Appello di Napoli ha stabilito che i reati contestati a dieci poliziotti accusati di abusi e pestaggi nei confronti dei partecipanti della manifestazione contro il ‘Global Forum‘ svoltosi a Napoli nel marzo del 2001, sono prescritti. Il processo si riferisce ai fatti denunciati da esponenti dei movimenti no-global e da cittadini all’interno della caserma della polizia “Raniero” dove furono condotti manifestanti per essere identificati dopo gli scontri con la polizia nel tentativo di superare la ‘zona rossa’.

In primo grado agenti e due funzionari furono condannati dalla quinta sezione anche per il reato di sequestro di persona. Già in primo grado erano state dichiarate prescritte le ipotesi di reato di violenza privata, lesioni, abuso d’ufficio e falso. Per la procura di Napoli, gli 85 manifestanti che furono portati alla ‘Raniero’ furono picchiati e ‘tenuti segregati’; Riesame e Cassazione avevano annullato l’ordinanza per tale ipotesi di reato. Quando nel 2001 gli agenti della Squadra mobile si presentarono dai colleghi per notificare loro le ordinanze di custodia cautelare, i poliziotti presenti in questura attuarono una catena umana intorno l’edificio di via Medina, per impedire gli arresti.

Il 17 marzo di quell’anno ci furono scontri violenti perché il corteo dei movimenti no-global intendeva violare la zona rossa a ridosso di palazzo reale dove si svolgeva il Global forum. La rete No global presento’ un libro bianco sui pestaggi, raccogliendo le testimonianze dei ragazzi della ‘Raniero’. Pero’ ad accusare i poliziotti, nel corso del tempo, sono rimasti in pochi. Il reato di sequestro di persona era l’unico non ancora prescritto. ”Prescrizione pestaggi e abusi in caserma Raniero di Napoli (Global Forum 2001). Un’altra triste pagina per democrazia”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris su Twitter.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, in appello a Palermo condanna a 3 anni e 8 mesi ex deputato Udc Costa

next
Articolo Successivo

Trattativa, non basta lasciarsi scappare qualche parola

next