Quali misteri si nascondono dietro il sequestro lampo del ragionier Giuseppe Spinelli? I banditi volevano davvero vendere a Silvio Berlusconi un video sul lodo Mondadori o in ballo c’era qualcosa di molto più pericoloso? E perché l’avvocato Niccolò Ghedini denunciò il fatto solo 31 ore dopo? Da dove arrivano gli otto milioni di euro di cui parlano i banditi nei giorni successivi al sequestro?

Sono i temi al centro dello speciale dal titolo “Quando la banda passò” che inaugura “Servizio Pubblico piú”, il nuovo spazio di approfondimento del programma di Michele Santoro in onda giovedì 27 dicembre alle 21.10 su La7 e in diretta streaming su ilfattoquotidiano.it. Nello speciale – a cura di Walter Molino e Stefano Maria Bianchi e condotto da Sandro Ruotolo – si intrecciano la fiction della ricostruzione della notte del sequestro e delle fasi salienti delle indagini della Squadra mobile di Milano ai fumetti, le interviste esclusive a Ruby, Gianpaolo Tarantini, Imane Fadil e Fabrizio Corona agli interventi di Marco Travaglio, Fiorenza Sarzanini e dell’avvocato Niccoló Ghedini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Rai, nel 2013 aumenta il canone: gli italiani dovranno pagare 113,50 euro

next
Articolo Successivo

Gangnam, un incomprensibile caso di ipnosi collettiva

next