Nel 2013 previsti nuovi aumenti alle Poste Italiane. Dal primo gennaio infatti costerà di più spedire una lettera: 70 centesimi contro gli attuali 60. Il ritocco interessa varie voci del tariffario postale, come le raccomandate (3,60 euro invece che 3,30 euro) o gli invii di corrispondenze all’estero: spedire una lettera in Europa o nel Bacino del Mediterraneo costerà al minimo 85 centesimi contro gli attuali 75.

L’aumento è approvato in una delibera dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, la numero 640, quella di “Approvazione della manovra tariffaria di Poste Italiane” che è stata pubblicata sul sito dell’Agcom alla vigilia di Natale ed è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gioia Tauro, ucciso studente di 22 anni. Dietro, la faida nel clan Piromalli

next
Articolo Successivo

Pavia, ossa trovate in riva al Po: resti appartengono a donna adulta

next