Movimento italiano di Transizione
Foto: Erica Canepa

Il viaggio nell’Italia che cambia è giunto in Emilia. Il “bolognese” è invaso di iniziative. Incontri, storie, persone, emozioni. Ieri ho trascorso la giornata a Monteveglio ed ho avuto l’occasione di parlare con diversi rappresentanti del Movimento Italiano di Transizione e la sera c’era l’incontro con tutti i gruppi del territorio bolognese, una quarantina di persone motivatissime e con diversi punti di vista e azione.

Una delle cose più interessanti del Movimento di Transizione, a mio parere, è la sua estrema elasticità. In base a chi ci lavora, alla sua sensibilità, passioni e competenze, emergono approcci diversi e si ottengono risultati diversi. A Monteveglio, per esempio, c’è chi lavora per contaminare le istituzioni, chi costruisce progetti legati all’agricoltura ed all’alimentazione e chi si concentra sulla crescita interiore degli individui. Lavori apparentemente slegati tra di loro, ma che in realtà sono assolutamente fondamentali e complementari. Le collaborazioni con il mondo della permacultura, di Arcipelago Scec e di Aspo Italia, inoltre, fanno da contorno e spesso da contenuto alle varie iniziative di Transizione, così come l’attenzione sui temi della decrescita, dell’autoproduzione, del “saper fare”, dello scambio, del dono. Ma, soprattutto, la transizione mette al centro la comunità e le relazioni; relazioni che permettono di elevare all’ennesima potenza l’agire individuale e comunità che possono avere senso e costruire senso solo quando sono composte da individui consapevoli che hanno lavorato, in primis, su se stessi.

Cristiano Bottone
Foto: Erica Canepa

La libertà e la responsabilità dell’individuo, quindi, diventano le fondamenta su cui basare una comunità funzionante. E’ una sfida difficile, in un mondo in preda ai cambiamenti climatici, all’ottusità dei politici ed alle crisi economiche e sistemiche, ma è anche una sfida entusiasmante. Come mi ha confidato ieri Cristiano Bottone, stiamo vivendo un periodo storico unico: per la prima volta possiamo uscire da migliaia di anni in cui l’essere umano si è accartocciato su se stesso ripercorrendo sistematicamente gli stessi errori, possiamo provare a ribaltare i paradigmi, ad utilizzare il pensiero laterale, a non vedere l’altro come un nemico, ma come una persona con cui confrontarci per far sì che questo mondo finisca davvero per lasciare lo spazio ad un mondo nuovo. Forse, in fondo, siamo tutti in Transizione.

Volete scoprire l’altra Italia?

Per sostenere il progetti “e viaggiare con me” venite su Starteed.

Per informazioni e approfondimenti: www.italiachecambia.org

Al termine del viaggio realizzerò un libro e un documentario che racchiuderanno questa esperienza.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio Martinotti sociologo e riformista

next
Articolo Successivo

Regione Lombardia, letterina di Natale all’assessore alla Sanità

next