L’anno scorso è stata la volta dell’amico Domenico Finiguerra, già sindaco di Cassinetta di Lugagnano (MI), prima esperienza in Italia di piano di gestione del territorio a crescita zero.

Quest’anno partecipa al premio “Personaggio Ambiente 2012” l’amico Alessio Ciacci, assessore all’ambiente del Comune di Capannori, la cittadina di 46.000 abitanti in provincia di Lucca diventata famosa grazie all’adesione (primo comune in Italia) alla strategia internazionale “Rifiuti zero“.

Il Comune di Capannori è un punto di riferimento in Italia per tutti quelli che credono che un mondo migliore e diverso sia possibile, proprio perché la giunta guidata da Giorgio Del Ghingaro ha saputo passare dalla teoria alla pratica, dalla enunciazione dei principi alla sperimentazione quotidiana di modelli di sviluppo improntati a sobrietà e buonsenso, condivisione e sostenibilità.

Praticamente tutto l’opposto di quanto accade sempre più spesso in giro per lo Stivale. In un Paese normale uno come Alessio oggi farebbe il ministro dell’Ambiente. La sua serietà, miste all’impegno e alle forte motivazioni che lo portano a fare politica per passione e non per professione, fanno di lui un modello a cui richiamare la propria azione quotidiana.

In questi anni Alessio ha messo in campo un sacco di progetti concreti, favorendo la nascita di una moltitudine di azioni che stanno cambiando i comportamenti e le scelte di moltissimi cittadini.

Ecco perché lo sostengo quale personaggio dell’anno, perché penso che se lo meriti fino in fondo. E spero tanto che tanti altri facciano come me, andando sul sito e votando per lui. Forza Alessio! 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Carbone entro 10 anni principale fonte energetica mondiale prima del petrolio”

prev
Articolo Successivo

Ilva, approvata la legge. Clini: “Provvedimento chiave per il Paese”

next