Santoro apre con un appello a Beppe Grillo a proposito della sua querela e del suo recente ordine di espulsione nei confronti di Federica Salsi e Giovanni Favia. “Non sei Berlusconi, nè Ghedini, nè D’Alema” – ammonisce il conduttore di Servizio Pubblico – “Non sei neppure Casaleggio, nè Gesù, nè il Papa, nè un Cardinale. Non sei il capufficio di Fantozzi e non puoi dire ‘sei fuori’, perchè non sei Briatore”. E aggiunge: “T’incazzi persino con Giulia Innocenzi. Torna in te, se ti rincoglinisci troppo, va a finire che questi mettono da parte le primarie e tornano a fare come prima e peggio di prima”. Santoro poi precisa: “Abbiamo ancora bisogno di te perchè la politica cambi veramente”. E conclude: “Conta pure sulla mia firma per farti presentare le tue liste, poi me ne torno buono buono sui tempi lunghi dove anche tu un giorno dovrai venire. Nelle verdi praterie dove tutti noi televisivi riposeremo in pace”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, le parlamentarie dei 5 Stelle

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Berlusconi torna o non torna?

next