Santoro apre con un appello a Beppe Grillo a proposito della sua querela e del suo recente ordine di espulsione nei confronti di Federica Salsi e Giovanni Favia. “Non sei Berlusconi, nè Ghedini, nè D’Alema” – ammonisce il conduttore di Servizio Pubblico – “Non sei neppure Casaleggio, nè Gesù, nè il Papa, nè un Cardinale. Non sei il capufficio di Fantozzi e non puoi dire ‘sei fuori’, perchè non sei Briatore”. E aggiunge: “T’incazzi persino con Giulia Innocenzi. Torna in te, se ti rincoglinisci troppo, va a finire che questi mettono da parte le primarie e tornano a fare come prima e peggio di prima”. Santoro poi precisa: “Abbiamo ancora bisogno di te perchè la politica cambi veramente”. E conclude: “Conta pure sulla mia firma per farti presentare le tue liste, poi me ne torno buono buono sui tempi lunghi dove anche tu un giorno dovrai venire. Nelle verdi praterie dove tutti noi televisivi riposeremo in pace”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, le parlamentarie dei 5 Stelle

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Berlusconi torna o non torna?

next