Viene dal Giappone uno studio che riguarda i temuti raffreddori stagionali e una delle bevande più amate da Oriente a Occidente. Per scongiurare l’influenza invernale basterebbe una bella pinta. Almeno, a detta di alcuni ricercatori nipponici. Dentro le birre si trova un tipico ingrediente chiamato humulone (presente nel luppolo, il suo ingrediente di base) capace di guarirci dai malanni di stagione, spiegano dalla società Sapporo Breweries, che ha condotto lo studio in collaborazione con l’Università di Sapporo, la Sapporo Medical University.

Ottenuto dalla lavorazione del luppolo maturo, oltre a conferire alla bevanda il tipico sapore amarognolo, sarebbe un prezioso alleato della nostra salute, perché in grado di combattere non solo tosse e starnuti, ma persino gravi forme di polmonite. Ma ecco che i nodi vengono al pettine: la ricerca è tutt’altro che perfetta, allo stato attuale delle cose. Il motivo è presto spiegato: nella birra la concentrazione di humulone è troppo bassa per consentire di combattere efficacemente il raffreddore. E come se non bastasse – ma questo era intuibile – i bambini non possono beneficiare della miracolosa “medicina”.

Del resto, per ottenere un qualche risultato sull’influenza stagionale (l’humulone agisce contro il virus respiratorio sinciziale, causa del raffreddore), un adulto dovrebbe bere almeno trenta lattine di birra! Parola degli autori della ricerca. “Ma stiamo studiando un uso come additivo alimentare, cercando di superare il sapore amaro”, assicurano. Finché questo non accadrà meglio ricorrere alla cara vecchia aspirina, per non rischiare di non reggersi in piedi a causa dell’alcol, nel tentativo di curarsi sorseggiando un boccale di birra dietro l’altro.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le ricette del sabato di Alessia Vicari: coratella, salvia e pane abbrustolito

next
Articolo Successivo

A Roma una serata danzante per salvare il riso patate e cozze

next