Due coppie eterosessuali e due omosessuali hanno sottoscritto il registro delle Unioni Civili, istituito dal Municipio XI di Roma il 21 novembre 2012. Pur non avendo valore legale, la dichiarazione esprime la volontà di essere legati reciprocamente da vincoli affettivi e di mutua assistenza. Almeno uno dei due firmatari deve essere formalmente residente nel territorio e, in caso di separazione, la coppia dovrà annullare la propria iscrizione nel registro. “Non ho avuto notizia di alcuna reazione da parte del sindaco Alemanno – ha detto il presidente del Municipio – per la giunta, ha tuonato l’assessore alla Famiglia e alla Scuola De Palo, dicendo che l’istituzione del registro offenderebbe la famiglia tradizionale”. “L’abbiamo fatto – ha commentato una delle coppie – anche per dare visibilità a questo tema e per sostenere chi non ce la fa” di Paola Mentuccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matrimoni gay, la Suprema Corte Usa deciderà il prossimo giugno

prev
Articolo Successivo

Yemen, la catastrofe dimenticata dei diritti umani

next