L’Italia della crisi aguzza l’ingegno. Per alcuni potrebbe essere solo la faccia – la più ricorrente? – della disperazione. Giudicherete voi, attenti lettori del Fatto. I numeri per ora raccontano un fenomeno che in Italia è in via di moltiplicazione: cresce il numero di coloro che hanno un doppio lavoro. Spesso sono dipendenti a tempo indeterminato, determinato o con contratto a progetto che, oltre alle loro ore di lavoro a tempo pieno o part-time, associano un’altra attività prevalentemente legata ad una passione tenuta nel cassetto (ma attenzione, non sempre).

A fotografare questo fenomeno – specchio di tempi incerti? – è stato il mensile Milionaire, che alcuni mesi fa ha snocciolato dati significativi: sono 5 milioni gli italiani che hanno un doppio lavoro, addirittura 3,5 milioni coloro che ce l’hanno nei servizi, 900.000 nell’agricoltura (un dato significativo, espressione di un trend che vede in crescita il settore green). Sulla piazza di Milano il 38% dei lavoratori dichiara di aver avviato negli ultimi tempi un secondo lavoro.

Alcuni mesi addietro, sulla scia di questo crescente ‘movimento’, è intervenuto Mauro Magatti, Preside di Sociologia all’Università Cattolica di Milano: “La molla principale è la ricerca di un guadagno in più. Ma a questo si aggiunge l’aspetto psicologico: il secondo impiego è una difesa contro le incertezze generate dalla crisi”.

Tra le storie più note c’è quella di Andy Hayler, e arriva da Oltremanica (dove la pratica del doppio lavoro si sta moltiplicando, soprattutto negli ultimi mesi). Da programmatore per una compagnia petrolifera Andy ha fatto diventare la sua passione per la cucina un secondo lavoro: è riuscito negli anni a mangiare in quasi duemila ristoranti della guida Michelin, pagando spesso di tasca propria. Poi Andy ha fatto quel passaggio che per molti è alla base della seconda attività: l’ha reso sostenibile, ha lasciato il suo impiego e ora fa il blogger-degustatore (temutissimo) a tempo pieno.

Storie all’americana per favoleggiare, dirà qualcuno. Sullo sfondo restano però gli interrogativi. Di tutte le storie di lavoratori con un secondo lavoro, chi davvero lo intraprende per scelta e passione e chi invece ci approda per necessità? Dal nostro osservatorio – quello legato al portale wwworkers.it – registriamo tante storie, non tutte a lieto fine. Anche in questo caso è il tempo che tira le fila.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Equo compenso ai giornalisti precari e autonomi, approvata la legge

prev
Articolo Successivo

Settore pubblico, Patroni Griffi: “260mila precari, impossibile stabilizzare tutti”

next