“Conoscere per deliberare“. Partendo da uno dei principi base della democrazia, enunciato da Luigi Einaudi, la tv del Fatto Quotidiano discute sul perché le emittenti nazionali e i grandi giornali per anni non si siano accorti (e non abbiano avvertito per tempo i cittadini) del baratro politico, economico e morale in cui stava sprofondando il Paese. Colpa dei giornalisti? Degli editori? Dei partiti politici che condizionano la stampa? O colpa (anche) dei lettori e dei telespettatori, innamorati di quei media che non disturbano e (anzi confermano) le loro opinioni?
Il 12 dicembre, mercoledì alle 21,00, due ore in tv dedicate a scandali e intrecci di potere con i media. Gli scoop cestinati, le interviste addomesticate, i servizi taroccati. Ma anche storie di giornalisti e blogger coraggiosi. Tutto questo, e altro ancora, in ‘Chi vuole la libertà?’. Quello che la stampa non dice. Con gli interventi di Antonio Padellaro, Marco Travaglio, Peter Gomez, Milena Gabanelli, Riccardo Iacona, Carlo Freccero, Oscar Giannino, Piero Ricca, Angela Corica, Gianluigi Nuzzi, Marco Colombo (Bbc) e tanti altri. Oltre alla trasmissione in streaming su www.ilfattoquotidiano.it, ecco dove sarà possibile guardare il nostro speciale in televisione del 12 dicembre alle 21. Piemonte: Videogruppo; Lombardia: Telelombardia; Veneto: Telenordest; Trentino Rttr; Friuli Venezia Giulia: Telequattro; Emilia Romagna: E’tv; Toscana: Rtv 38; Liguria: Primocanale; Umbria: Umbria Tv; Marche: Tv Centro Marche; Lazio: RomaUno; Abruzzo: Rete 8; Basilicata: Telenorba, Campania: Napoli C21; Molise: Telenorba, Calabria: VideoCalabria; Puglia: Telenorba; Sicilia: Antenna Sicilia; Sardegna: Videolina.
Il format televisivo del Fatto Quotidiano sarà trasmesso in streaming sul nostro sito e in televisione sul network delle emittenti regionali (guarda la lista dei canali tv).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Chi vuole la libertà?’. Quello che la stampa non dice. Il Fatto quotidiano arriva in tv

next
Articolo Successivo

In edicola, 5 dicembre. Legge elettorale: “La variabile Casaleggium?”

next