“Siamo vicini al direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, per una decisione incomprensibile per chi ha a cuore la libertà di stampa in un Paese civile e democratico. E’ una vicenda triste, ma confidiamo che la politica, al di là delle appartenenze, si unisca per trovare un accordo possibile che scongiuri la previsione del carcere per i giornalisti, a tutela delle libere opinioni”. Il segretario politico del Pdl, Angelino Alfano manifesta con un breve comunicato linkato su twitter la sua solidarietà al direttore del quotidiano della famiglia Berlusconi nel giorno in cui si fa strada l’ordine degli arresti domiciliari a seguito della condanna per diffamazione. Un comunicato che arriva dopo la sollecitazione dello stesso Sallusti che, sempre sul sito di microblogging, aveva chiesto una reazione del segretario: “Alfano non ha proferito parola su mio arresto. É questo il leader del futuro partito dei liberali italiani?”.

Ma la ‘solidarietà’ espressa da Alfano non è stata apprezzata da Sallusti, insoddisfatto della nota: “Grazie per un comunicato. Le libertà sono cose da ufficio stampa. Mettere faccia è troppo? Urlare eccessivo? Bastava telefonata”. Intanto, dopo la bocciatura al Senato del ddl diffamazione che ha bocciato il carcere per i giornalisti il capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto esorta a recuperare “l’accordo sulla diffamazione, elaborato e poi saltato in Parlamento“, senza riferimenti al carcere per i giornalisti, per “mettere fine al più presto a una situazione assurda e paradossale che da troppe settimane tiene banco e che sta offrendo dell’Italia uno spettacolo non degno di un Paese democratico e civile quale il nostro dovrebbe essere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mediaset vuole mettere il bavaglio al blogger: #siamotuttipablo

next
Articolo Successivo

Rai, dg Gubitosi vuole Orfeo del ‘Messaggero’ alla guida del Tg1

next