“Siamo vicini al direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, per una decisione incomprensibile per chi ha a cuore la libertà di stampa in un Paese civile e democratico. E’ una vicenda triste, ma confidiamo che la politica, al di là delle appartenenze, si unisca per trovare un accordo possibile che scongiuri la previsione del carcere per i giornalisti, a tutela delle libere opinioni”. Il segretario politico del Pdl, Angelino Alfano manifesta con un breve comunicato linkato su twitter la sua solidarietà al direttore del quotidiano della famiglia Berlusconi nel giorno in cui si fa strada l’ordine degli arresti domiciliari a seguito della condanna per diffamazione. Un comunicato che arriva dopo la sollecitazione dello stesso Sallusti che, sempre sul sito di microblogging, aveva chiesto una reazione del segretario: “Alfano non ha proferito parola su mio arresto. É questo il leader del futuro partito dei liberali italiani?”.

Ma la ‘solidarietà’ espressa da Alfano non è stata apprezzata da Sallusti, insoddisfatto della nota: “Grazie per un comunicato. Le libertà sono cose da ufficio stampa. Mettere faccia è troppo? Urlare eccessivo? Bastava telefonata”. Intanto, dopo la bocciatura al Senato del ddl diffamazione che ha bocciato il carcere per i giornalisti il capogruppo Pdl Fabrizio Cicchitto esorta a recuperare “l’accordo sulla diffamazione, elaborato e poi saltato in Parlamento“, senza riferimenti al carcere per i giornalisti, per “mettere fine al più presto a una situazione assurda e paradossale che da troppe settimane tiene banco e che sta offrendo dell’Italia uno spettacolo non degno di un Paese democratico e civile quale il nostro dovrebbe essere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mediaset vuole mettere il bavaglio al blogger: #siamotuttipablo

prev
Articolo Successivo

Rai, dg Gubitosi vuole Orfeo del ‘Messaggero’ alla guida del Tg1

next