Domenica 2 dicembre, si vota per il ballottaggio delle primarie di centrosinistra 2012 che vede in lizza Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi. Le votazioni si svolgeranno dalle 8 alle 20 negli stessi seggi in cui si è votato per il primo turno e saranno ammessi al voto gli elettori in possesso del ‘certificato di voto‘ rilasciato in occasione del turno del 25 novembre, completo del cedolino relativo alla giornata del 2 dicembre.

Inoltre, per gli iscritti on-line che non abbiano completato la registrazione entro il 25 novembre, è possibile recarsi al proprio seggio, versare il contributo di almeno due euro e ritirare il Certificato di elettore del centrosinistra, quindi votare.

La delibera 25 del regolamento ufficiale delle primarie, rilasciata il 26 novembre, specifica cosa succede per chi non si sia registrato al primo turno: “Possono altresì richiedere la registrazione coloro che, nei giorni 29 e 30 novembre presso il Coordinamento provinciale, dichiarino di essersi trovati, per cause indipendenti dalla propria volontà, nell’impossibilità di registrarsi all’ Albo degli elettori entro il 25 novembre. Spetta al Coordinamento provinciale valutare la consistenza o meno delle cause, indipendenti dalla volontà dell’elettore, che ne hanno impedito l’iscrizione all’Albo degli elettori entro il 25 novembre, ovvero la preiscrizione on-line. Il Coordinamento provinciale, con voto unanime, decide se ammettere o meno la registrazione all’Albo degli elettori”.

Par venire incontro alle richieste di Matteo Renzi, il comitato organizzatore ha annunciato che sarà possibile chiedere di registrarsi, anche via fax o email da inviare ai propri comitati provinciali. Limite di tempo le ore 20 di venerdì 30 novembre. Entro sabato 1 dicembre, quindi, l’elettore sarà informato se la sua richiesta è stata accettata o meno, insieme al seggio in cui eventualmente votare.

aggiornato da Redazione Web ore 17 – 28 novembre 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

ReddiTest 2012 online: come funziona e come fare il download del software (video)

prev
Articolo Successivo

Sciopero dei trasporti 29 e 30 novembre 2012: orari e modalità

next