Avanza la corsa delle malattie del cervello. La loro prevalenza in Europa è in costante aumento da un decennio: si è passati da un 27% del 2004, con un costo globale di 386 miliardi di euro, circa 3 mila euro a paziente all’anno, al 35% del 2010, con un costo totale di 640 miliardi di euro, circa 3.600 euro a paziente all’anno. La Fondazione Irccs Istituto Neurologico Carlo Besta è in prima linea nella definizione di un quadro generale per la comprensione dell’impatto delle malattie del cervello dell’invecchiamento.

E oggi, durante il simposio satellite ‘Burden of Neurological Disorders, Ageing and Disability’, nel Palazzo delle Stelline a Milano si fa il punto sull’argomento. Il simposio costituisce un evento satellite della Conferenza internazionale Courage in Europe, in programma il 28 e il 29 novembre, durante la quale saranno presentati i risultati del progetto triennale di ricerca su salute e disabilità Courage, coordinato dalla Fondazione Besta. “Questo simposio satellite – spiega Matilde Leonardi, neurologa della Fondazione Besta e coordinatore del progetto Courage – vuole fornire un aggiornamento sull’impatto delle malattie neurologiche nella popolazione anziana, sugli scopi e le prospettive dell’Anno europeo per l’invecchiamento attivo e la solidarietà tra generazioni e la nuova ‘European Innovation Partnership on Active and Healthy Ageing’, sulla ricerca e le implicazioni politiche del peso delle malattie del cervello”. 

Malattie rare, ictus, malattia di Parkinson, inquadramento di malattie neuro-oncologiche, cefalee ed emicrania, disturbi della coscienza nell’anziano, neurochirurgia e valore predittivo della Rmf nei pazienti con demenza sono i temi trattati da neurologi, neurochirurghi e ricercatori del Besta. Jorge Pinto Antunes, della direzione generale Salute e Consumatori della Commissione europea, riferisce che “la Commissione ha identificato nell’invecchiamento attivo e in salute una delle maggiori sfide comuni a tutti i paesi europei, e un’area dove l’Europa può giocare un ruolo da leader, proponendo al resto del mondo risposte innovative a questa sfida”. Secondo Ferdinando Cornelio, direttore scientifico della Fondazione Irccs Istituto Neurologico Carlo Besta “la ricerca traslazionale sulle malattie del cervello è essenziale, dato il peso di queste patologie e il rilevante impatto sulla salute pubblica specialmente negli anziani. Con l’invecchiamento, il cervello subisce dei cambiamenti e la ricerca deve concentrarsi sull’innovazione nella prevenzione e nella terapia per i pazienti anziani con malattie neurologiche, tenendone presente la maggior gravità di deficit, la lentezza di recupero e il superiore bisogno di assistenza”. “Con questo simposio – aggiunge Leonardi – ci proponiamo di presentare lo stato dell’arte e le prospettive future della ricerca sulle malattie del cervello e l’invecchiamento, e porre in evidenza i contributi italiani alle iniziative sull’invecchiamento attivo e in salute verso il nuovo programma di ricerca Horizon 2020”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acqua, ideata la bottiglia che la cattura dalla nebbia. Come fa uno scarafaggio

next
Articolo Successivo

Curiosity su Marte, trovati i precursori della vita: “Molecole organiche”

next