Premessa: non ho votato alle primarie del centrosinistra per una serie di ragioni che sarebbe troppo lungo spiegare in questa sede. Detto questo, apprendo che il segretario nazionale del Pd Pierluigi Bersani ha concluso il primo turno in testa grazie anche a veri e propri boom di voti raccolti nella mia Campania e nel sud in generale: Calabria, Sicilia, Basilicata.

Non rallegrartene troppo, caro Bersani. Per due ragioni.

La prima è che hai vinto nelle regioni infestate dalle mafie al termine di una campagna elettorale dove il tema della lotta alla criminalità organizzata è stato appena sfiorato, per non dire trascurato.

La seconda è che hai vinto in regioni dove il consenso è strutturato, si raggruma intorno ad accordi e clientele dalla natura poco chiara, che non prevedono ipotesi di cambiamento radicale, ma solo l’autoperpetuazione di un ceto politico-amministrativo che ha già (mal)governato.

Spero che saprai liberarti di questi capibastone collezionisti di pensioni pubbliche e di rinvii a giudizio come fosse zavorra di una mongolfiera che ha bisogno di gettare via i sacchi di sabbia per volare in alto e lontano. Ma l’esperienza mi insegna che purtroppo continuerai a circondartene. E già mi dicono che se diventerai premier farai qualcuno di loro ministro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Primarie, il funerale del leaderismo della Seconda Repubblica

next
Articolo Successivo

Renzi, ti prego dì qualcosa

next