Che l’idea sia venuta in quel di Londra non stupisce, che si ispiri a uno scarafaggio africano un po’ meno. Ecco che dal Regno Unito arriva la notizia dello sviluppo di una tecnologia particolare: raccogliere acqua dalla nebbia del mattino. Come lo scarafaggio del deserto del Namib (Stenocara gracilipes) che vive in aree a elevata siccità e accumula l‘umidità dell’aria sul proprio guscio fino a quando non si formano goccioline d’acqua che rotolano direttamente nella sua bocca, dissetandolo. Insomma l’insetto sviluppa una strategia per la sua sopravvivenza modello e l’uomo la imita. 

Il meccanismo è stato sfruttato da un team di una Ndb nano, formata da giovani ricercatori, che ha creato il prototipo di una bottiglia che si auto-riempie d’acqua, riuscendo a immagazzinare fino a tre litri di acqua ogni ora. Lo studio è stato descritto in un articolo pubblicato su ‘Nature‘. La speciale bottiglia è un prodotto della cosiddetta Bio-imitazione e s’ispira nella forma al guscio del coleottero del deserto capace di raccogliere l’acqua dall’umidità dell’aria in zone in cui cadono soltanto quaranta millimetri di pioggia all’anno. La bottiglia è in grado di accumulare acqua senza sosta, utilizzando una superficie su nano-scala che aumenta lo sfruttamento della condensazione dell’acqua. La superficie della bottiglia è coperta da materiali idrofili che attraggono l’acqua e materiali idrofobi e idrorepellenti. Le applicazioni sono facilmente intuibili; come la produzione di acqua potabile in aree desertiche, per l‘irrigazione di campi ma anche per i militari impegnati in zone particolarmente difficili. Entro il 2014-2015 la società pensa di poter entrare sul mercato. La bottiglia cattura acqua adesso è soltanto un progetto sul carta, ma potrebbe essere realizzabile anche se potrebbero passare qualche anno. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morbo di Parkinson, oggi la giornata nazionale. In Italia 250 mila malati

next
Articolo Successivo

Malattie del cervello, in aumento i pazienti in Europa. E i costi salgono dell’8%

next