Mentre in Parlamento si discute della misura sul ‘contrasto di interessi’, per rendere “scaricabili” fatture e scontrini, l’Agenzia delle Entrate ha messo a punto il redditometro, dispositivo che permetterà di incrociare i dati fra tenore di vita e dichiarazione dei redditi. Servirà a contrastare l’evasione fiscale o si rivelerà un’ulteriore complicazione per la vita delle persone? “Uomo da marciapiede” lo ha domandato ai passanti di Milano. Molti vedono nel redditometro un incentivo alla trasparenza. Altri giudicano il provvedimento inadeguato a colpire i grandi evasori. E voi come la pensate? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese e montaggio di Francesca Martelli


Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale: giusto cambiarla a pochi mesi dal voto? Il vox di Ricca

next
Articolo Successivo

Primarie anche per i parlamentari? Il vox di Ricca più sondaggio

next