Sindacati spaccati sullo sciopero della scuola dopo l’incontro con il governo. Cisl, Uil, Snals e Gilda hanno deciso di sospendere la mobilitazione indetta per sabato prossimo. Al contrario, la Flc – Cgil ha invece confermato l’astensione dal lavoro e la manifestazione nazionale a Roma.

“I due punti della mobilitazione erano la cancellazione dell’aumento dell’orario di lavoro e l’atto di indirizzo per la trattativa per il recupero degli scatti di anzianità – ha dichiarato il segretario nazionale della Cisl scuola Francesco Scrima – li abbiamo ottenuti e sospendiamo la mobilitazione in attesa dell’esito del confronto”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disoccupazione giovanile e derive italiote (da nord a sud)

next
Articolo Successivo

Il libro che stai leggendo è pieno di precarietà. Con la riforma Fornero è peggio

next