Sindacati spaccati sullo sciopero della scuola dopo l’incontro con il governo. Cisl, Uil, Snals e Gilda hanno deciso di sospendere la mobilitazione indetta per sabato prossimo. Al contrario, la Flc – Cgil ha invece confermato l’astensione dal lavoro e la manifestazione nazionale a Roma.

“I due punti della mobilitazione erano la cancellazione dell’aumento dell’orario di lavoro e l’atto di indirizzo per la trattativa per il recupero degli scatti di anzianità – ha dichiarato il segretario nazionale della Cisl scuola Francesco Scrima – li abbiamo ottenuti e sospendiamo la mobilitazione in attesa dell’esito del confronto”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Disoccupazione giovanile e derive italiote (da nord a sud)

next
Articolo Successivo

Il libro che stai leggendo è pieno di precarietà. Con la riforma Fornero è peggio

next