Al governo “abbiamo ancora bisogno di Monti e non credo che al Quirinale serva a molto”. Così Carlo De Benedetti, intervenendo a Milano alla presentazione del libro “Pensiero libero” di Bruno Tabacci. A proposito del Quirinale De Benedetti dice di avere “una fantasia: mi farebbe piacere vedere una donna”.

L’editore del Gruppo Espresso racconta di essere “appena tornato dagli Stati Uniti dove ho sentito interventi anche di esponenti di alto livello che mi hanno costretto a reagire anche duramente quando mi dicevano: “Avete trovato Monti, perché non ve lo tenete direttamente?”. “Ho risposto – racconta – che non siamo il Rwanda, siamo un Paese democratico, nel nostro piccolo, e terremo le elezioni che daranno però un risultato di grande frammentazione e tutti andranno con il cappello in mano a chiedere a Monti di continuare. Io spero fortemente che lo faccia”. Secondo De Benedetti “bisogna distinguere tra il governo Monti e Monti: nessuno in questo tempo avrebbe potuto fare meglio, ha trasferito la sua credibilità sull’Italia che oggettivamente era diventata oggetto di comicità”. De Benedetti ripete che a Monti “dobbiamo essere fortemente grati, perché la restituzione della credibilità non è una cosa tecnica, ma emotiva: lui ha espresso una grande leadership emotiva e non tecnica. Ne abbiamo bisogno, anche perché la crisi durerà ancora diversi anni e la situazione del Paese si è aggravata nonostante Monti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Con chi sta la rete?

prev
Articolo Successivo

Io non vi voto: stop al carbone, via alle energie rinnovabili

next