Manfalut, sud dell’Egitto. Un treno ha travolto un autobus su cui viaggiavano circa 60 bambini che stavano andando in gita. Quarantanove morti47 bambini tra i quattro e gli otto anni e due maestre. I feriti sono stati portati in ospedale.

Il tragico incidente è avvenuto nella provincia centrale di Assiut, a circa 350 chilometri a sud del Cairo. Sembra che le barriere del passaggio a livello fossero alzate e che non fosse stato segnalato l’arrivo del treno perchè l’addetto al passaggio a livello si è addormentato. La polizia ha già provveduto a arrestarlo. I genitori dei bambini hanno chiesto la pena di morte per i responsabili.

Nel frattempo il governo ha ordinato un’inchiesta sull’incidente, mentre il ministro dei Trasporti egiziano e il capo della società nazionale delle ferrovie hanno rassegnato le dimissioni.

In Egitto incidenti stradali e ferroviari sono molto frequenti a causa delle insufficienti misure di sicurezza e dell’indisciplina dei conducenti. All’inizio di novembre si era verificato un altro incidente ferroviario in cui due treni si erano scontrati nel governatorato di Faiyum, 85 chilometri a sud del Cairo, provocando quattro morti. Il più grave disastro ferroviario risale al 2002 quando nell’incendio di un treno che collegava Il Cairo a Luxor morirono 376 persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gaza, Usa: “I razzi di Hamas sono il ‘fattore scatenante’ dell’attacco israeliano”

prev
Articolo Successivo

Gaza, un “genocidio” silenzioso

next