Arriva in Italia Hollaback!, il movimento internazionale nato nel 2005 a New York per porre fine alla molestie in strada (qui la presentazione in inglese del progetto). Basato sull’idea di una società dove ogni persona possa vivere lo spazio pubblico a proprio agio, al sicuro e rispettata, Hollaback! è un progetto sostenuto da attiviste e attivisti di 62 città e 25 Paesi che si impegnano a denunciare e a combattere le molestie in strada, fornendo un luogo di condivisione online che dia potere ai suoi partecipanti. Il nome del movimento deriva da Holla, che in slang americano è un modo per chiamare o per salutare qualcuno, ma è anche un’espressione usata dagli uomini per attirare l’attenzione di una donna. “Hollaback” significa quindi “rispondere”, “ribattere”, “reagire” alle attenzioni indesiderate.

In Italia, Hollaback! intende contrastare un problema diffuso, come conferma l’indagine dell’Istat 2008-2009 sulle molestie sessuali. Considerando il corso della vita, le forme di molestia verbale sono le più diffuse (riguardano il 26,6% delle donne di 14-65 anni), seguite dagli episodi di pedinamento (21,6%), dagli atti di esibizionismo (20,4%), dalle molestie fisiche (19%). Da sottolineare che le molestie in strada sono rivolte non solo a donne, ma anche a uomini e possono essere anche a sfondo razzista, omofobo e transfobico.

Il team italiano di Hollaback! ha base a Milano. L’obiettivo, per il futuro, è quello di creare una rete locale e favorire l’apertura di nuovi gruppi in altre città. Attraverso il blog si invitano le persone che hanno subito molestie a raccontare la propria esperienza, condividendola su una mappa pubblicamente consultabile. Sono già arrivate le prime testimonianze: raccontano di molestie sulla metro, sul treno, al parco.

Contemporaneamente alla nascita del movimento italiano, saranno attivati nuovi gruppi Hollaback! in altre 9 città del mondo: Ankara in Turchia, Dublino in Irlanda, Fredricksburg in Virginia, Gand in Belgio, Jacksonville in Nord Carolina, Kathmandu in Nepal, Pathankot in India, Rutgers in New Jersey e San Francisco in California.

A livello globale, Hollaback! è costituita da attivisti per il 41% lesbiche, gay, bisessuali e queer, per il 33% da persone di colore; il 76% ha meno di 30 anni e il 90% è donna. Anche le leader locali di Hollaback! Italia sono tanto diverse nella loro formazione così come lo sono le loro esperienze di molestie. Nel board americano c’è anche Alexis Grenell, comunicatrice strategia del Partito democratico.

Come dichiara Emily May, il direttore esecutivo di Hollaback!: “Abbiamo solo 8 o 9 anni prima che i bambini e le bambine nati oggi inizino a subire episodi di molestie in strada. I nostri bambini meritano di meglio, noi meritiamo di meglio, e Hollaback Italia arriva per questo. Condividi la tua storia e unisciti al movimento!”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bari, siete incinte? Niente rinnovo. A casa tre anestesiste: “Nessuna discriminazione”

prev
Articolo Successivo

Aborto negato in Irlanda, donne a lutto e fiori per Savita. Presidi anche a Londra

next