Minacce a Silvia Deaglio, figlia del ministro del Lavoro Elsa Fornero e dell’economista Mario Deaglio. Una busta gialla, senza mittente e con un francobollo francese, è stata recapitata all’Università di Torino, dove Silvia Deaglio, 38 anni, è docente di genetica. Il plico, secondo quanto riportato dalla cronaca torinese di ‘Repubblica’, conteneva un foglio bianco di formato A4 su cui era incollato una foto con un ritaglio del presidente del Consiglio Mario Monti insieme al ministro Fornero. Poco più in basso la scritta “Quando arriverà il furore del popolo saranno c…. amari”. La notizia è stata confermata dai carabinieri, che indagano per risalire ai responsabili dell’intimidazione. 

Molte le reazioni di condanna nel mondo politico. Tra le prime a manifestare solidarietà alla figlia del ministro Fornero, due esponenti della Lega nord: ”La lettera di minacce a Silvia Deaglio è un atto da condannare senza se e senza ma”, scrivono in una nota le parlamentari Angela Maraventano ed Emanuela Munerato. “Pur essendo fieri avversari di sua mamma, Elsa Fornero, la Lega è e sarà sempre un baluardo contro questi atti di terrorismo psicologico”. Il sindaco di Torino Piero Fassino (Pd) parla di “atto vile e miserabile” , mentre il ministro per la Cooperazione internazionale Andrea Riccardi legge nel gesto “la spia di un clima inaccettabile, retaggio di decenni di divisioni e di violenze verbali e non solo verbali”.

Parole di condanna arrivano anche da Benedetto Della Vedova di Fli, dal responsabile Sicurezza del Pd Emanuele Fiano e dal vicepresidente del Senato Vannino Chiti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alitalia, l’azienda è in rosso milionario e i dirigenti discutono i premi

prev
Articolo Successivo

Esiste ancora il reato di apologia di fascismo?

next