Ogni giorno la cronaca riserva una notizia sul finto cieco o sul falso invalido scoperto dalle forze dell’ordine. Un danno per le casse dello Stato, tra pensioni e assegni di accompagnamento incalcolabile. Arriva una nuova stretta, dopo una serie di controlli a tappeto di Inps e forze dell’ordine, sui falsi invalidi civili, attraverso mezzo milione di nuove verifiche. La commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento all’articolo 4 della legge di stabilità che prevede 150.000 nuovo verifiche, ogni anno, per i prossimi 3 anni per un totale di  450.000. 

La Commissione Bilancio ha iniziato a votare gli emendamenti alla legge di stabilità, partendo dall’articolo che riguarda l’Inps. In questo ambito è stato approvato un emendamento firmato da tutti i parlamentari della maggioranza che attribuisce all’Inps per il prossimo triennio “la realizzazione di un piano di 150 mila verifiche straordinarie annue, in aggiuntiva all’ordinaria attività di accertamento, finalizzato all’accertamento della permanenza dei requisiti sanitari e reddituali nei confronti dei titolari di benefici di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap e disabilità”. L’emendamento è stato approvato all’unanimità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Primarie del centrosinistra con il trucco?

prev
Articolo Successivo

Tutti i misteri dei debiti di Lisa Lowenstein, ex moglie del ministro Vittorio Grilli

next