Addio a Pier Cesare Bori, il filosofo che aveva insegnato ai detenuti. Nominato da pochi giorni titolare della cattedra Unesco per il pluralismo religioso e la pace, Bori è scomparso ieri all’età di 75 anni. Arrivato a Bologna nel 1970, Bori è entrato quasi subito all’Alma Mater dove è stato per molti anni docente di Storia del Cristianesimo e delle chiese alla Facoltà di Scienze politiche. Attualmente insegnava Filosofia morale e Diritti umani nella globalizzazione.

È stato anche direttore, insieme a Gustavo Gozzi, del Master in diritti umani e intervento umanitario. Bori è ricordato per il suo impegno per la pace e in difesa dei più deboli, tra cui anche i detenuti. Insieme a un gruppo di studenti, infatti, si era occupato di insegnamento in carcere, in particolare ai detenuti magrebini e ai detenuti iscritti all’università, esperienza poi raccolta in “Lampada a se stessi. Letture tra università e carcere” (Marietti, 2008). Il 7 novembre alle 14 si terrà la cerimonia funebre accademica in Cappella Bulgari.

Nato a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1937, Bori aveva studiato giurisprudenza, teologia, scienze bibliche. Si è occupato di etica interculturale, un tema su cui ha pubblicato due libri, “Per un consenso etico tra culture” (Marietti, 1995) e “Per un percorso etico tra culture” (Nuova Italia, 1996). I suoi saggi più recenti sono stati raccolti in “Universalismo come pluralità delle vie” (Marietti, 2004). Bori è stato anche visiting professor negli Stati Uniti, in Tunisia e in Giappone. Ha collaborato con il Master en religions et civilisations compare’es della Facoltà di Lettere della Manouba (Tunisia). (Dires – Redattore Sociale)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Obama o Romney? Le elezioni Usa in diretta con i prof dell’Alma Mater

next
Articolo Successivo

Alma Mater, nasce il Reac: riprogramma e ringiovanisce le cellule staminali

next