Chi sarà il 45° Presidente degli Stati Uniti? Se in queste ore è l’uragano Sandy ad aver convogliato le luci dei riflettori dell’opinione pubblica americana, tra non più di sei giorni si tornerà davanti allo schermo della tv o del web per seguire in trepidante attesa l’esito delle prossime presidenziali statunitensi.

Così in attesa di vedere colorare di rosso o di blu i vari stati della più imponente e oramai parecchio vulnerabile democrazia mondiale, l’Università di Bologna offre l’U.S. Presidential Election Night. Un appuntamento per seguire in diretta i risultati delle elezioni presidenziali americane, con il commento dei docenti dell’Alma Mater e delle università statunitensi a Bologna, aperto al pubblico.

Spazio eletto al countdown le Scuderie di Piazza Verdi a Bologna, il lasso di tempo dalle 22 alle 2, con possibili strascichi di qualche ora per via dei  risultati nei “sicurissimi” stati incerti come Florida e Ohio. Una nottata per scoprire, assieme ai cittadini americani residenti in città, chi la spunterà tra il presidente democratico uscente Barack Obama e il candidato repubblicano Mitt Romney.

U.S. PRESIDENTIAL ELECTION NIGHT
Martedì 6 novembre, dalle 22 alle 2
La Scuderia (Piazza Verdi, 2 – Bologna)

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Università Bologna, addio facoltà. Entrano in funzione 15 nuove “scuole”

prev
Articolo Successivo

Morto Pier Cesare Bori. Il professore filosofo che insegnava ai detenuti

next