Il governo “lavori fino alla scadenza della legislatura” e, a quel punto, si torni alle urne in primavera con regole nuove. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso della cerimonia per i 150 anni della Corte dei Conti, interviene sull’orizzonte della durata dei tecnici che dovrà spingersi fino al 2013. Una scadenza che tuttavia, per Silvio Berlusconi, non pare affatto scontata. L’ex premier infatti era intervenuto nel fine settimana da Villa Gernetto dove aveva spiegato di “valutare insieme ai suoi collaboratori” la possibilità di “togliere la fiducia al governo Monti“. Posizione che, oltre a non preoccupare il premier, è stata sconfessata dallo stesso Alfano che, in linea con quanto detto oggi dal capo dello Stato, ha assicurato il sostegno del Pdl a Palazzo Chigi

Napolitano, nel corso del suo intervento, ha indicato alcuni provvedimenti che costituiscono “materia assai rilevante per l’impegno del governo e del Parlamento”  in questi ultimi mesi di legislatura e di settennato presidenziale. Oltre all’accantonamento del Porcellum, ha invitato i partiti a “riassumere pienamente il loro ruolo” e a presentarsi agli elettori con i loro programmi “sulla base di nuove regole”. La fine naturale della legislatura è l’orizzonte a cui tendere perché si tratta di “una scadenza sufficientemente vicina per consentire alle forze politiche di prepararsi a riassumere pienamente il loro ruolo nella vita istituzionale, sottoponendo al corpo elettorale liberamente, sulla base di nuove regole, le loro diversificate analisi e piattaforme programmatiche” in vista “delle sfide che sono davanti all’Italia e all’Europa”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicilia, M5S: “Crocetta? Valuteremo le proposte volta per volta”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, i sondaggisti temono: “A rischio 8 milioni di voti alle politiche”

next