“La tassa del 3% sui redditi oltre i 150mila euro per finanziare il fondo per gli esodati è alquanto iniqua, anche perché si aggiunge al prelievo previsto dal decreto ‘Salva Italia’”. Lo ha detto il vicepresidente di Confindustria, Aurelio Regina, a Radio Anch’io. Regina si riferisce alla decisione di ieri in Commissione lavoro alla Camera che ha stabilito il prelievo una tantum sui redditi oltre 150mila euro per ampliare il fondo sui lavoratori esodati, cioè per tutti i lavoratori che andati in pensione si sono ritrovati senza introiti a causa della riforma delle pensioni.

Regina ha poi spiegato che la tassa colpisce “una fascia di popolazione che è l’unica che spende” e, pertanto, rappresenta “un’ulteriore minaccia” per i consumi. Nella stessa trasmissione è diverso il parere del segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni: “Bisogna trovare una soluzione alla questione esodati e – ha spiegato – e il Parlamento ha dato un’indicazione credibile”. 

D’accordo anche il leader della Cgil Susanna Camusso: “‘E’ il segno di una necessità che il parlamento conferma affinché si dia una soluzione al problema degli esodati che è una profonda ingiustizia che continua a permanere”.  ”Appare positiva – ha aggiunto da Firenze la Camusso – l’indicazione di un meccanismo di solidarietà per chiedere a chi ha di più in questo Paese di contribuire”. Certo ha poi avvertito ”poi bisogna trovare le soluzioni tecniche”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Altro che “choosy”, i giovani sono sfruttati e insoddisfatti

next
Articolo Successivo

Fiat, Pomigliano: nuova cassa integrazione per oltre 2mila operai

next