Alla fine (ma c’è una fine?) la firma è arrivata, quella che rinnova Giocampus 2012-2013, l’Alleanza Educativa: Comune di Parma, Università degli Studi di Parma, Coni-Comitato Provinciale, Ufficio Scolastico Territoriale, CUS Parma e Barilla. Noccioline. 
Chissà se i dubbi della Giunta sono stati fugati dalle migliaia di cittadini insorti contro l’ipotesi (nemmeno troppo ipotetica) paventata dal Comune di Parma di sospendere il progetto (per cosa, poi? Chi se lo ricorda, c’eravamo sempre amati). In una città con la coperta troppo corta si è riusciti a cercare il freddo per il letto, curioso. Chissà se lo scampato “pericolo” è stato percepito quanto scongiurato dalla sollevazione popolare di genitori, insegnanti, professionisti ed eccellenza del progetto stesso. Pubblicità che non si paga, bagno di realtà che fa bene all’inesperienza del Movimento, obbligato a dimostrare che le stelle cadenti sono la vecchia politica. 

Bisogna andare avanti: Giocampus, nato a e cresciuto a Parma, è un progetto unico in Italia e invidiato in Europa e il merito va soprattutto agli istruttori (quelli che tra estate e anno scolastico hanno a che fare con almeno diecimila bambini) più di quanto non se ne possa dare a chi ci mette i soldi. Il motivo è semplice: sono loro, gli istruttori, a diretto contatto con i piccoli, per i quali non sei nessuno, la cui fiducia va conquistata ogni cinque minuti, tocca essere autentici, per i bambini sei buono o cattivo, niente sfumature. Il segreto è tutto lì, tra quelle migliaia di futuri uomini e donne: che il Sindaco Pizzarotti si fidi di loro, rivelano con fedeltà se li abbiamo  ingannati o trattati come meritavano, da piccoli adulti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’ira di Dario Fo: “Monti non parla mai di giovani disoccupati e di cassintegrati”

next
Articolo Successivo

Carfagna contro Minetti: “Ha torto. La politica è sapere e sacrificio” (video)

next