Pizzarotti è diventato sindaco ma non si sa perché: è un passante nominato da un partito inesistente”. Il primo cittadino di Parma e il Movimento 5 Stelle finiscono nel mirino di Vittorio Sgarbi, in conferenza stampa a Montecitorio al fianco dell’Ente Nazionale Circhi per difendere il mondo circense. Federico Pizzarotti, ‘reo’ di aver bloccato l’arrivo del circo Rinaldo Orfei di Aldo Martini in città, per Sgarbi “è un sindaco che governa inconsapevolmente. Scrive editti e governa, ma non sa nemmeno lui per chi e come”. Il critico parla di un vero e proprio “pizzarottismo che si estende, un fenomeno – affonda – a dir poco preoccupante”.

Il critico d’arte si è poi scagliato contro la deputata animalista Gabriella Giammanco (Pdl): “Sono figure che fanno parte di partiti in maniera inconsapevole, peggio che animali. Diventano sindaci e allora fanno un editto dicendo che il circo non potrà entrare in questa o quell’altra città”.

Infine un affondo sulla legge che dovrebbe bloccare i circhi, ma che in Emilia Romagna, giace nei cassetti della Giunta dopo l’approvazione dell’Assemblea legislativa: “In nome di quale legge agiscono questi sindaci? Semmai si faccia una legge che tutela il circo ed il suo diritto ad esistere rispetto ad un coglione, tecnicamente, di sindaco che non sapendo di esserlo scrive un editto per proibire quello che aveva già proibito quello di Imola, a sua volta inconsapevole di essere sindaco, perché quelli di Imola sono tutti pessimi, non dirò perché”.

Ma è lo stesso sindaco di Parma a rispondere personalmente su Twitter: “Certo che leggere insulti da un ex sindaco di un comune sciolto per mafia è quantomeno esilarante”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Favia contro Casaleggio: “Sulle liste elettorali rispetti la prassi del Movimento”

next
Articolo Successivo

Due terremoti, due misure

next