Pieno sostegno a Pier Luigi Bersani, dichiarazioni di fuoco su Matteo Renzi. Massimo D’Alema sceglie lo studio televisivo di Otto e mezzo, su La7, per dire la sua sull’ipotesi di rinuncia alla candidatura. “Ho cambiato radicalmente idea”, dice il presidente del Copasir: “Se vince Bersani non chiederò deroghe. Ma se le primarie le vincerà Renzi sarà scontro, sarà scontro politico”. Nessuna richiesta di deroga se a spuntarla, nelle primarie di centrosinistra, sarà l’attuale segretario Pd: “In quel caso lui sa che dispone del posto in lista che fu mio. Per lui sono pronto a dare battaglia”. I toni cambiano, e molto, quando invece si ipotizza una vittoria del sindaco di Firenze, che “sarà origine di divisione”. D’Alema respinge la definizione di Renzi-rottamatore: “Fa parte della nomenklatura” perché “è stato presidente della Provincia. Semmai è Grillo il vero rottamatore”. E vede Renzi come un ‘competitor’, uno che vende la stessa merce”.

Nei giorni scorsi D’Alema aveva annunciato di non avere intenzione di candidarsi a meno che non glielo avesse chiesto il partito. La risposta del segretario del Pd, però, era stata netta: non gli avrebbe chiesto di presentarsi alle prossime politiche. “Quando Bersani dice che D’Alema è una persona che sta con me sul rinnovamento – ha detto l’ex premier durante la trasmissione – lo dice perché sa che io sono dispostissimo a lasciare il Parlamento, ma non a porre fine alla mia vita politica”. Anzi, sgombrando il campo dall’accusa di chi dice che “sostengo Bersani per difendere il mio posto, potrò andare in giro per l’Italia a sostenere la sua candidatura di Bersani” senza equivoci. “Io – aggiunge –  rinuncio alla candidatura perché penso che questo mi consenta di fare meglio la battaglia politica”.

Una battaglia da cui non intende ritirarsi. D’Alema a La7 anticipa i contenuti di un’intervista a L’Unità in cui spiega le ragioni che lo hanno portato ad annunciare che non si ricandiderà se Bersani sarà candidato premier. Certo della vittoria alle primarie del segretario, si auto-nomina per un non meglio precisato incarico: “Io ho piena fiducia che vinca Bersani e io già mi sento impegnato in un incarico extraparlamentare”. Il presidente del Copasir sostiene di avere già annunciato un paio di mesi fa a Bersani che avrebbe rinunciato alla candidatura e poi di aver deciso di ‘resistere’ a fronte della campagna rottamatrice di Renzi. In un’intervista pubblicata su Repubblica aveva detto: “Chi mi crede un cane morto si sbaglia di grosso“. Ma ora l’ex segretario precisa: “L’annuncio di Walter Veltroni (che domenica ha comunicato di non avere intenzione di ricandidarsi, ndr) mi ha creato qualche problema. E’ scattata subito la caccia all’uomo. Ma è sciocco dire che lo abbia fatto per mettermi in difficoltà”.

Che cosa dovrà fare Monti dopo le elezioni? D’Alema non ha dubbi: “Gli ho ricordato l’esperienza di Ciampi che fu presidente del Consiglio in un governo di salvezza nazionale e poi ministro dell’economia in un governo del centrosinistra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Napolitano: “Il riordino degli enti locali può risanare la finanza pubblica”

next
Articolo Successivo

Casa di Montecarlo, in mano ai pm di Milano carte anche sulla moglie di Fini

next