Dopo l’arresto dell’assessore della Regione Lombardia Domenico Zambetti, il consigliere del Pd della Lombardia Pippo Civati lancia per le 18 una manifestazione nella piazza del Palazzo della Lombardia. Il nome dell’iniziativa è #liberalasedia, dall’hashtag usato su Twitter per seguire l’evento. Il sit-in già organizzato nello scorso marzo, arriva nel giorno in cui la Regione Lombardia viene colpita dall’arresto dell’assessore e dalle indagini per peculato sui consiglieri Boni (Lega), Nicoli Cristiani e Buscemi, entrambi del Pdl.

L’esponente del Pd ha commentato così sul suo blog gli avvenimenti di oggi: “Basta così. Ci mancava solo la ‘ndrangheta. Andiamo a votare. Subito. Ma dove li trovava 200mila euro un assessore regionale per fare campagna elettorale, comprando i voti? Perché – ha poi aggiunto – se fosse confermato, oltre al coinvolgimento diretto della ‘ndrangheta, mai così dichiarato e grave, ci sarebbe da capire perché per prendere 10mila voti si spendano certe cifre. E da dove provengano, questi finanziamenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marchionne attacca Renzi e Firenze: “E’ sindaco di una piccola, povera città”

next
Articolo Successivo

Regioni, Piemonte: la Corte dei Conti indaga sulla nuova sede-grattacielo

next