“I fondi ai gruppi consiliari potranno arrivare a essere ridotti anche del 90-95%”. Lo assicura il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio Antonio Catricalà, parlando del dl sui costi della politica approvato nella serata di giovedì. I fondi dei gruppi consiliari delle Regioni saranno parametrati, spiega Catricalà, in base a quelli della Regione più virtuosa “ma poi questo parametro sarà tagliato del 50%”. Il che vuol dire, appunto, che in alcuni casi la riduzione potrebbe anche essere del 90-95%. Il decreto legge sui costi della politica stabilisce infatti che “fatti salvi i rimborsi delle spese elettorali previsti dalla normativa nazionale” i fondi dei gruppi consiliari, dei partiti o dei movimenti politici, debbano essere pari all’importo riconosciuto dalla regione più virtuosa, secondo criteri omogenei, ridotto della metà. “Il clima di indignazione creato nel Paese dai recenti episodi accaduti – ha concluso il sottosegretario – ci ha favorito nel consentire una rivisitazione dei controlli sulle spese delle Regioni”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondi europei e pasticci: il caso del comune di Barano

prev
Articolo Successivo

Regioni, l’assessore lombardo Cattaneo protesta: “Troppi tagli, come farò?”

next