L’Autorità europea per la Sicurezza Alimentare ha appena emesso un comunicato stampa: “lo studio del prof.Séralini non è scientificamente sufficiente a dimostrare che il mais gm NK603, prodotto dalla Monsanto, sia cancerogeno”. E dunque l’Efsa non modificherà le proprie linee guida.

In sostanza l’Efsa contesta le pratiche e la metodologia dello studio, che non sarebbero accettabili per la comunità scientifica internazionale. Bergman, a capo del gruppo che ha riesaminato lo studio, ha dichiarato che esso pecca sia di una metodologia corretta sia di obiettivi ben definiti.

Del resto lo studio era stato già respinto dalla Germania, attraverso il Federal Institute for Risk Assessment, che aveva bocciato, oltre alla metodologia dello studio Séralini, anche la raccolta e presentazione dei dati.

Ad ogni modo l’Efsa ha invitato Séralifini e il suo gruppo di lavoro a presentare altri dati per meglio comprendere lo studio, al fine di una valutazione definitiva che avverrà a fine ottobre. 

P.S: Come ho scritto in un commento, l’importanza dell’argomento suscita più sentimenti che riflessioni. Il fatto che riporti una notizia, peraltro senza commento seppur nel blog, non implica che io sia un simpatizzante della Monsanto. Ho solo riportato il parere dell’Efsa che continua a stimare gli Ogm non nocivi. Del resto in altre occasioni ho anche criticato l’operato dell’Efsa, non sempre scevro di conflitti d’interesse. Io evito di mangiare Ogm e tante altre cose di cui ho già scritto. Peraltro mi domando se sia ancora possibile, anche in Italia, evitare davvero gli Ogm.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cancro al seno, lo screening ha salvato 4 donne su 100 che si sono ammalate

prev
Articolo Successivo

Via Lattea, due buchi neri “coinquilini” tra un ammasso di stelle

next