Una guida attenta e ragionata per capire tutto dei Radiohead proprio durante la storica quattro giorni di concerti italiana. Radiohead – La storie e le canzoni di James Doheny (Giunti editore, 19,90 euro), ristampato e riaggiornato per l’occasione del tour della band in Italia, permette ai non fan e ai non addetti ai lavori di comprendere vita, morte e miracoli laicissimi del successo di una band che è diventata fenomeno mediatico e musicale travalicando i confini geografici e culturali di mezzo pianeta.

Storia del rock, nonostante tutto, di elegante e stilosa prepotenza, Thom Yorke e soci hanno creato un mondo ricco e complicato di riferimenti e lampi poetici sul reale e sul quotidiano, segni che vanno oltre la musica rock, nel cuore della letteratura, del cinema, delle avanguardie del Novecento.

Una panoramica su tutta la loro storia, dagli inizi underground del gruppo che si chiama On a Friday e suonava nella Jericho Tavern di Oxford, addirittura portando in scena ben tre sassofonisti, fino ai successi planetari di Ok Computer e Kid A, passando per la decisiva e discutibile rivoluzione digitale di In Rainbows e The King or Limbs. Doheny racconta e rilegge canzone per canzone, brani famosi  e oscure facciate B, sintesi dei numerosi work in progress del gruppo in cui si possono pescare gemme meno conosciute, rese disponibili nel tempo grazie anche ai download che i Radiohead hanno reso scelta peculiare e popolare.  

Per ogni album un’analisi storica approfondita con i commenti dei protagonisti della band e una cronologia a fondo libro più dettagliata di una qualsiasi fan page o link di wikipedia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

15 chilometri di coda, il concerto di Campovolo manda in tilt l’A1

next
Articolo Successivo

L’intervento su Facebook di Aurora Ricci sul caso Favia – Grillo

next