Non potrà abortire. O almeno è quello che hanno deciso i giudici per una giovane turca, 26 anni e due figli, che ha ucciso e decapitato l’uomo che l’aveva stuprata e messa incinta. Dopo l’arresto aveva chiesto di abortire dal carcere, ma dai giudici è arrivato un “no” che per la donna potrebbe rappresentare una sentenza di morte. Perché Nevin Y’nin, proveniente dal villaggio di Yalvac, nella provincia occidentale di Isparta, ha fatto sapere che piuttosto si ucciderà.

Ha ucciso, tempo fa,  l’uomo che l’aveva violentata e ricattata per mesi ed esposto in piazza la sua testa. Ora, incinta di 29 settimane, ha fatto sapere di voler abortire “a qualunque costo”, nonostante la legge impedisca l’interruzione di gravidanza oltre le 10 settimane di gestazione. I suoi avvocati hanno chiesto che la donna possa abortire comunque, in base a una norma che lo consente nei casi di stupro. Ma per i giudici, quella di 29 settimane è una durata eccessiva per poter ricorrere all’interruzione di gravidanza, perché le norme in vigore in Turchia in materia di stupro ne consentono la possibilità non oltre la 20esima settimana. 

La donna, tuttavia, ha fatto sapere che la sua battaglia non si ferma e che è pronta a morire pur di non portare a termine la gravidanza. Il caso di Nevin è emerso nelle scorse settimane proprio quando la donna mostrò nella piazza del suo villaggio la testa del suo stupratore. “Questa è la testa di colui che giocava con il mio onore”, ha detto la donna prima di essere arrestata. La vicenda ha avuto un’eco internazionale e l’opinione pubblica turca si è spaccata, tra favorevoli e contrari all’aborto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le mutilazioni genitali femminili? “Come un intervento di chirurgia plastica”

next
Articolo Successivo

Miss Italia, le ragazze rispondono alle domande dei lettori. “Siamo troppo buone”

next