“Se l’Inghilterra ha fatto a meno di Tony Blair e la Germania ha fatto a meno di Helmut Kohl forse l’Italia potrebbe fare a meno di D’Alema, no?“. Questo il giudizio secco di Graziano Delrio, sindaco Pd di Reggio Emilia e presidente dell’Anci, ospite di “24 Mattino, l’Italia si desta” su Radio 24 per parlare del dibattito all’interno del Pd sul ricambio generazionale.

“Ma il problema non va personalizzato. – ha aggiunto Delrio – D’Alema, Bersani, Bindi, io ho molta stima di tutte queste persone. Però il limite dei tre mandati per i parlamentari è una proposta giusta ed è nello statuto del partito. Ci sono le deroghe? Le deroghe per definizione devono essere casi eccezionali, non il contrario. Mi sembra che delle deroghe abbiamo fatto una regola”.

Delrio però non ha voluto rispondere alla domanda se stia con Renzi o con Bersani: “Non voglio dare risposte diplomatiche – ha detto – ma devo capire prima alcune cose, perché stiamo parlando di chi si candiderà a fare il presidente del Consiglio. Bisogna capire quali saranno le proposte concrete dei due. Io conosco entrambi, stimo molto Matteo, ha fatto una scelta coraggiosa che ha allargato il campo del centro sinistra, quindi se le sue proposte sono convincenti io tendo a favorire il ricambio generazionale. Però ci vogliono i contenuti giusti, non basta la parola ricambio per convincermi”.

Delrio di una cosa è certo: “Le primarie vanno fatte, assolutamente, ed è un fatto molto positivo che Bersani abbia ribadito questa cosa. C’è una parte larga dell’establishment del Pd che sta utilizzando un meccanismo di difesa assolutamente sbagliato e cerca di non volere le primarie. Invece vanno fatte perché attivano una partecipazione democratica e riescono a creare un confronto sui programmi. Chi si oppone? Io credo che molti maggiorenti del partito abbiano paura delle primarie perché possono sconvolgere equilibri di correnti e di future opzioni sui parlamentari che invece in qualche modo sono prerogative dell’attuale classe dirigente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I politici pagavano coi soldi pubblici anche per finire nei tg

prev
Articolo Successivo

Operaio morto schiacciato, sono sei gli indagati per omicidio

next