Un vento che non c’è più. Walter Veltroni in occasione della presentazione del suo libro “L’Isola e le rose” parla di utopie e ‘68 e il parallelismo con i giovani d’oggi è di dovere. La domanda arriva dal giornalista che chiede perché se un tempo i giovani andavano in piazza per qualsiasi occasione, ora invece sembrano non avere la stessa attitudine. “In quegli anni, – dice Walter Veltroni, – vivevamo in una società piccola che stava diventando grande. Eravamo emozionati perché vivevamo tutti la stessa emozione contemporaneamente. Ma ora i giovani sono soli davanti al computer”.

Una generazione chiusa che fatica a mettersi in relazione con l’esterno, in una solitudine pericolosa: questa la società delineata sul palco della Festa dell’Unità di Bologna, dove alle parole di Veltroni fanno eco le considerazioni di Pierluigi Bersani: “Se stiamo all’esame di realtà, – dice il segretario del Pd, – abbiamo una emigrazione interna e esterna intellettuale, ma se andasse avanti così l’avremmo non solo intellettuale. Il lavoro è il perno di tutto. Quando ci sono difficoltà economiche, nell’isolamento è difficile trovare solidarietà e fiducia. La differenza è quella: due o tre generazioni fa se stavi in casa friggevi, qui tocca a tutti quanti cercare di mettere a frutto le possibilità enormi e positive che ti dà quell’universo. Lavoro e socializzazione sono i grandi obiettivi di questo paese”.

Gli anni settanta, anni di giovani e di manifestazioni, anni di muri d’abbattere e prese di posizione, anni di cambiamento, dicono gli oratori. Ma adesso? Il pensiero va all’Italia della crisi economica e delle generazioni perdute. “In questo paese sono cambiate tantissime cose – conclude Veltroni, – noi non siamo più quelli che eravamo prima. Oggi la condizione di disperazione dei ragazzi è paragonabile a quella dei dannati della terra. Sono deprivati di futuro che è la cosa più angosciosa. Per quelle generazioni lì il futuro era sì da conquistare, noi avevamo fame di futuro. Adesso i giovani hanno paura del futuro e non è colpa loro, è colpa di una società conservatrice, strutturata per evitare quel dinamismo di cui c’è bisogno. Se tu non fai una società dinamica, è inevitabile che a pagare siano i più fragili. I più deboli di tutti oggi sono i ragazzi e i cinquantenni che perdono il lavoro”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Manager di Benigni a Grillo: “Non ci paga il Pd”

next
Articolo Successivo

Bersani, ennesimo affondo: “Ma Grillo vuole governare da un tabernacolo?”

next