A tre mesi dal suo debutto a Wall Street, Facebook ha dimezzato il proprio valore in Borsa. Se il primo giorno il titolo è stato scambiato per 38 dollari, attirando anche investitori di peso come il miliardario George Soros che ci ha investito 10,6 milioni di dollari, ora è venduto a 19,79 $, cedendo il 6,79 per cento. Entro dicembre comunque si ipotizza una immissione di altri 1,7 miliardi di dollari in azioni. 

La notizia arriva nel giorno in cui è scaduto il primo divieto di vendita (lockup) e quindi diventa permesso a parte degli investitori che hanno acquistato le azioni del social network di rimetterle sul mercato. L’amministratore delegato Mark Zuckerberg, invece dovrà aspettare almeno il mese di novembre per poter vendere le sue azioni Facebook. Molti analisti comunque hanno ipotizzato che non ci sarà una svendita di massa per due motivi principali: il basso prezzo delle azioni e la minusvalenza potenziale (le perdite, ndr). L’azienda fondata da Zuckerberg ha visto calare il proprio valore in Borsa del 34 per cento. E’ passata da una capitalizzazione pari a 104 miliardi di dollari ai 42,27 miliardi attuali. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Esodati, finanziatori unici della riduzione del debito pubblico

prev
Articolo Successivo

Scandalo Libor, Dipartimento Giustizia Usa “convoca” sette banche

next