Il film con il maggiore incasso al botteghino cinematografico nella storia d’Italia è ‘Che bella giornata’ (2011) di Gennaro Nunziante, con Checco Zalone, con 43 milioni e 474mila euro. È anche il film che ha attratto il maggior numero di spettatori: sei milioni e 830mila paganti. Dati incredibili, soprattutto considerando la contrazione dell’accesso alle sale nel nostro Paese nel 2012. 

Questi dati autorizzano a pensare che questo sia il miglior film della storia d’Italia? I critici sarebbero certamente in disaccordo.

Adesso spostiamo il fuoco su Internet. Il post più letto o quello più condiviso sui social media può essere considerato il migliore post disponibile online? Anche in questo caso, la risposta non è né lineare né, forse, univoca. 

Eppure gli indicatori di ‘successo’ di un articolo, di un post, di un testo scritto online sono ancorati solo a dati quantitativi. Spesso questi dati sono legati solamente al numero di condivisioni sui principali social media. Si può fare lo stesso discorso all’interno di ambienti chiusi come Facebook e per contenuti non complessi come aggiornamenti di stato o foto. 

Quantità non coincide necessariamente con qualità e ciò, se è vero, dovrebbe esserlo indistintamente online e offline (perché le distinzioni online-offline non ha più senso quando si parla di qualità dei contenuti). Ciò che però è dato per scontato nei contesti ‘tradizionali’ non sempre è così automatico online: non è così infrequente discutere di post e di misurarne il successo sulla base del numero di visualizzazioni e condivisioni. 

Paradossalmente l’analisi qualitativa dei contenuti online è indietro rispetto all’offline: esiste la critica cinematografica ed esistono anche codici quantiativi e qualitativi più o meno universali per classificare i film (le recensioni, i voti, i premi dei festival, persino i commenti degli altri addetti ai lavori), ma non c’è niente di tutto questo per ciò che è scritto su Internet. Ma non si può recensire, commentare, giudicare tutto. E allora come si fa?

Non ho una risposta precisa a questa domanda, ma sento il bisogno di criteri che non siano meramente quantitativi. Probabilmente si dovranno immaginare indici come il rapporto tra visualizzazioni e condivisioni (un post relativamente poco letto ma molto condiviso sarà stato letto da una nicchia fortemente motivata: ma se fosse un post fortemente polarizzante? Sarebbe giusto misurare la qualità in questo modo?), o immaginare dei premi Pulitzer all’italiana per il web (con tutti i limiti di ogni forma di premialità). Sarebbe bello sapere qual è il pensiero dei giornalisti di carta stampata di ciò che si scrive su Internet. 

Per il momento ci si deve accontentare del numero dei lettori, del numero di ‘mi piace’ e delle reti di relazione generate a partire dalla condivisione di un contenuto. Aspettando il giorno, chissà quanto lontano, in cui le pagine Facebook e Twitter dei grandi giornali ospiteranno i link dei migliori articoli delle testate concorrenti. Quello sì che sarebbe un attestato pubblico di qualità. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fareed Zakaria, se l’editorialista cede al plagio

prev
Articolo Successivo

“Nessun tocchi Radio Londra”

next