L’associazione Donne in quota ha protestato per un manifesto che dovrebbe pubblicizzare un evento di moda a Castell’Arquato, e si è rivolto allo Iap (Istituto di autodisciplina pubblicitaria) affinché sia ritirato. Non esiste una commissione governativa che vigili per sanzionare pubblicità sessiste o razziste. Ogni volta si deve scrivere allo Iap perché valuti e provveda a sanzionare immagini o spot lesivi della dignità delle persone. Auguriamoci che qualche governo prima o poi provveda, perché è un’impresa segnalare ogni volta un manifesto o uno spot sessista.

Lo si ripete da anni che le parti anatomiche femminili sono utilizzate per vendere qualunque oggetto che si voglia commercializzare: giornali, viaggi, eventi, cibo, automobili. Ora anche per affrontare temi delicati di politica ed economia come Lidia Ravera ne ha scritto in Copertine estive: lo spread con le tette.  

Talvolta però le foto dei manifesti riescono anche ad essere irresistibilmente ridicole.

L’immagine di Castell’Arquato ha qualcosa di comico, suo malgrado. Nella foto Nina Moric afferra il seno e lo spinge verso l’alto come se le puntasse sulle torri medievali con un’aria minacciosa. La seduzione sarà anche un’arma, d’accordo, ma l’insieme è incredibilmente ridicolo: quel seno che giganteggia sopra  il borgo sta per sparare qualche cannonata o sta per abbattere “a sberle” le torri?

Rievoca la comicità di Paola Cortellesi quando imitava una concorrente del Grande Fratello sempre intenta a conversare con le sue tette.

E si! La seduzione femminile svilita in una mera profferta di tette, chiappe e labbra si annulla nell’umiliazione o diventa la parodia di sé stessa scivolando sulla buccia di una involontaria comicità. E non c’è nulla di più ridicolo della comicità involontaria e per favore non mi vengano a parlare di ironia!

di Nadia Somma

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se Penelope va alla guerra ed è pure gay

next
Articolo Successivo

Esteriorità: il pericolo di perdersi per strada

next