Ci aveva fregati tutti, Alex Schwazer. Quell’aria da bravo ragazzo, montanaro tutto sacrifici e vacche da mungere, sembrava essere la garanzia di un atleta senza macchia, che contava solo sul sudore della fronte per conquistare medaglie e trionfi nella faticosissima 50 km di marcia.

E forse è per questo che oggi ci sentiamo tutti un po’ traditi dall’altoatesino, medaglia d’oro a Pechino 2008 e fidanzato di Carolina Kostner. È positivo all’antidoping, è positivo all’Epo, e ovviamente deve rinunciare ai Giochi di Londra e, per sua stessa ammissione, alla sua carriera.

Un’avventura sportiva che si chiude nel peggior modo possibile e che una volta di più apre la riflessione sui limiti sempre più labili che gli atleti non riescono proprio a non superare, in nome della Vittoria a tutti i costi. E dopo il danno, per noi sportivi che avevamo creduto in quel volto pulito e genuino, ecco la beffa. Sul sito di Alex Schwazer ancora adesso, alle ore 19.48 del 6 agosto, campeggia la seguente dichiarazione: “In molti mi chiedono come ci si prepara ai Giochi Olimpici. Semplice: allenandosi, allenandosi e allenandosi ancora”. Appunto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oro alla bestialità del Grillo

prev
Articolo Successivo

Alex Schwazer non diventi un nuovo Marco Pantani

next