In tempo di crisi, si sa, piacciono le cose rassicuranti; non stupisce quindi che sia tornato l’odio per la Germania (o, come ha detto allo Spiegel quell’inguaribile romantico di Monti , i “sentimenti antitedeschi“). Il ritorno al buon vecchio “tedesco cattivo”, tanto caro al nostro immaginario collettivo alimentato a nazisti, soddisfa il nostro bisogno di un nemico con cui prendercela: i mercati e le agenzie di rating erano troppo virtuali e senza volto, mentre La Casta è già passata di moda.

La Germania invece è perfetta: i tedeschi soddisfano tutti i cliché del cattivo, a cominciare dall’accento tedesco. Inoltre in politica economica i “mangia-patate” sono effettivamente stronzi-fedeli al loro concetto di razza.

Quindi via l’immagine dell’islamico cattivo di questi anni, e toglietevi dalla testa i volti buoni del nazional-socialismo come l’ispettore Derrick o Rudi Voeller: ora c’è il volto severo di Frau Merkel (nitrito di un cavallo in lontananza), la regina cattiva dello spread con i crauti!

Se prima “culona inchiavabile” era l’ennesima gaffe berlusconiana, ora è diventato un serio e condiviso parere tecnico-economico (l’ennesimo punto a favore di Berlusconi sulla via del rientro: il suo nuovo partito non si chiamerà Forza Italia, ma Abbasso Germania – e di questo passo vincerà anche le elezioni).

Ed ecco che rinasce in Italia come in Europa una Resistenza che al grido trapattoniano di “Strunz!” si asserraglia sull’Appennino, pronta a respingere le truppe di tedeschi invasori che, in sandali col calzino, a passo dell’oca invadono d’estate la riviera Adriatica.

Il cerchio si stringe, ma soprattutto ottiene la sua quadratura: ora che è stata individuata una nazione nemica che sta sul cazzo a tutti (l’Iran ci sta mettendo troppo tempo a farsi l’atomica), si può finalmente fare quella Terza Guerra Mondiale che ci porterà tutti fuori dalla crisi. E che sarà quindi un remake della Seconda: è andata così bene che non si vede perché non ripeterne il successo. Con Bruxelles al posto di Norimberga e lo scudo anti-spread al posto del muro di Berlino; ma insomma, il senso è quello.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Tratta e vinci

next
Articolo Successivo

Life sharing – guida agli appuntamenti dopo i trenta

next