Il triplista che dovrebbe andare in pensione è l’ancora di salvezza a cui l’atletica italiana tenta di aggrapparsi disperatamente a Londra 2012. Secondo i pronostici dell’autorevole rivista Sport Ilustrated tra i vincitori italiani di medaglia d’oro ci potrebbe essere infatti il saltatore Fabrizio Donato, atleta delle Fiamme gialle, classe 1976, 36 anni, originario di Latina, record personale a 17,73. Di lui i media parlano poco, è sconosciuto ai più. Però vanta il record italiano di salto triplo e medaglia d’oro agli ultimi campionati europei di Helsinki. “Non sono famoso? Forse perché non ho un tatuaggio eccentrico, non sono protagonista di gossip, sono una persona comune, normale” afferma con ironia Donato. “C’è poca gratificazione a fare questo sport è vero, ma chi sceglie l’atletica lo fa per passione non per fama”. “Questa è la mia grande occasione. I rivali più temuti sono i due americani, ma la sfida è anche in casa con il pugliese Daniele Greco“. “Se ci sarò a Rio tra 4 anni? Sarà difficile, con l’avanzare dell’età. Io ho ancora in mente grandi sogni e progetti finché il corpo regge, ma ad un certo punto un atleta professionista deve mettere un paletto e non tirare a campare” di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il labrador Gina, Federica Pellegrini e i primatisti del divano

prev
Articolo Successivo

Dalla camorra alla legalità. Storia della Quarto Calcio

next