Fino a qualche anno fa il boss decideva tutto, dall’allenatore ai calciatori da acquistare e far scendere in campo. Oggi la Società Sportiva Dilettantistica Quarto è stata sottratta al controllo dei clan e affidata a un amministratore giudiziario e a un’associazione anti-racket. Che, come nel caso del Barcellona, hanno aperto all’azionariato: tutti i tifosi potranno contribuire con quote minime da 10 euro, mentre gli imprenditori potranno diventare soci solo dopo aver presentato regolare certificazione antimafia. Regole stringenti anche per allenatore e giocatori: fedina penale immacolata, nessuna squalifica sportiva alle spalle e contratti regolari. “Quest’anno Quarto gioca due partite – spiega Luigi Cuomo, dirigente unico della squadra e coordinatore nazionale di Sos Impresa – una dentro e una fuori dal campo, dove protagonisti saranno i cittadini. È a loro che spetterà vincere la partita più importante, quella per restituire alla città la gloria, la legalità, la libertà dai condizionamenti mafiosi cui è stata sottoposta per decenni”  di Andrea Postiglione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra 2012, Donato il triplista che può salvare l’atletica azzurra

next
Articolo Successivo

Olimpiadi 2012, il pianto della schermitrice sudcoreana

next