Fino a qualche anno fa il boss decideva tutto, dall’allenatore ai calciatori da acquistare e far scendere in campo. Oggi la Società Sportiva Dilettantistica Quarto è stata sottratta al controllo dei clan e affidata a un amministratore giudiziario e a un’associazione anti-racket. Che, come nel caso del Barcellona, hanno aperto all’azionariato: tutti i tifosi potranno contribuire con quote minime da 10 euro, mentre gli imprenditori potranno diventare soci solo dopo aver presentato regolare certificazione antimafia. Regole stringenti anche per allenatore e giocatori: fedina penale immacolata, nessuna squalifica sportiva alle spalle e contratti regolari. “Quest’anno Quarto gioca due partite – spiega Luigi Cuomo, dirigente unico della squadra e coordinatore nazionale di Sos Impresa – una dentro e una fuori dal campo, dove protagonisti saranno i cittadini. È a loro che spetterà vincere la partita più importante, quella per restituire alla città la gloria, la legalità, la libertà dai condizionamenti mafiosi cui è stata sottoposta per decenni”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Londra 2012, Donato il triplista che può salvare l’atletica azzurra

prev
Articolo Successivo

Olimpiadi 2012, il pianto della schermitrice sudcoreana

next